Emigrazione Italiana in Canada

Emigrati italiani in Canada

Government of *Canada* Site | Site du gouvernement du *Canada - http://canada.gc.ca*

Government of *Canada* Site | Site du gouvernement du *Canada*

La comunità italocanadese è così distribuita sul territorio: cinquecentosessantamila nell'Ontario, centosettantaquattromila nel Quebec, settantatremila nel British Columbia. In prevalenza gli italocanadesi vivono nelle grandi aree urbane di città come Toronto, Vancouver, Montreal, i restanti cinquantamila in altri luoghi.

Dai dati in possesso del Dipartimento di Immigrazione e dai censimenti canadesi risulta che la comunità italiana,la maggior parte composta da Calabresi, in Canada è il quarto gruppo in ordine di consistenza, dopo quelli di origine inglese, francese e tedesca. Risultato delle successioni generazionali di circa settecentomila persone entrate in Canada dall'Italia nell'arco di un secolo.

L'incremento più consistente del numero di residenti appartenenti alla comunità italiana in Canada avvenne fra il 1951 ed il 1961, quando passò da cinquantamila a quattrocentomila unità. Dopo un altro decennio, nel 1971, la popolazione residente in Canada di origine Italiana era di settecentotrentamila unità, dei quali trecentoottantacinquemila risultava nata in Italia.

Nel 1971 il Canada fu il primo Paese ad adottare ufficialmente il multiculturalismo. Come dichiara con orgoglio il sito web del Canadian Heritage, «il Canada affermò così il valore e la dignità di tutti i cittadini indipendentemente dalle origini razziali o etniche, dalla lingua o dalla religione».

Gli italocanadesi bilateralmente di origine italiana erano settecentoquarantasettemila nel 1981, il totale di italiani che aveva dichiarato anche un'altra origine era di ottocentosettantunomila.

Un dato molto interessante è che la Lingua Italiana è la terza lingua parlata nel paese e la prima delle lingue non ufficiali. La consistente presenza culturale Italiana ha indotto il Governo Canadese a riconoscere come patrimonio comune della Nazione la Lingua Italiana; è una realtà che la politica attuale in Canada è strutturalmente multi culturale attraverso iniziative di vario tipo.

Canadian Heritage Information Network - http://www.chin.gc.ca

Canadian Heritage Information Network - http://www.chin.gc.ca
Siti Web Canadesi -
in inglese
  • Società Dante Alighieri
    La Società Dante Alighieri, sorta nel 1889, ha il compito di tutelare e diffondere la lingua e la cultura italiane nel mondo e di ravvivare nei connazionali all'estero i legami culturali e spirituali con l'Italia.

On. Gino Bucchino - Deputato per l'Unione della Circoscrizione Estero  - Sito web ufficiale - http://www.ginobucchino.net

Gino Bucchino dal Canada alla Camera eletto all’estero nelle file dell’Unione: «La rete consolare. La rete consolare è alla frutta, anzi, si son mangiato anche quella. Non ci sono più soldi»

Intervista a cura di Salvatore Viglia

Salvatore Viglia: Lei è firmatario insieme a Bafile, Narducci, Franceschini, Sereni, Fedi, Farina, Lucà, Zanotti, Trupia, Astore, Burtone, Grassi e Sanna della proposta di legge per l’erogazione di un assegno di solidarietà ai cittadini anziani residenti all’estero. Mancano, però, alcune firme di alcuni deputati dell’Unione, per esempio, Cassola, Razzi, come mai?

Gino Bucchino: Non per un motivo particolare se non quello, immagino, dell’urgenza per cui alcuni deputati non erano reperibili al momento della raccolta delle firme. Urgenza dovuta alla estrema premura dell’on. Bafile prima firmataria. Tutto qua.

S.V.: L’iniziativa non si discute nel merito ma perché non è stata proposta anche alla sottoscrizione dei deputati di Forza Italia? In fondo, non si sarebbero rifiutati di firmare un tale provvedimento per non commettere un errore politico grave

G.B.: Oso pensare che ci sia una convergenza anche da parte dei parlamentari di F.I. Diciamo che l’esperienza passata ci ha indotto a pensare che forse avremmo potuto trovare degli ostacoli. La storia di questo progetto di legge non è nuova, risale alla vecchia legislatura, possiamo dire che oggi è stato ripresentato nella sua interezza. Risale, dunque, alla iniziativa dell’on. Valerio Calzolaio dei DS ma non ebbe strada facile anzi fu bloccato e questo ci ha fatto pensare che, molto probabilmente, quella opposizione fatta dal passato governo, si sarebbe rinnovata. Perciò abbiamo ritenuto ripresentarla non necessariamente andando a raccogliere firme anche tra i deputati delle parte politica avversaria.

S.V.: Si sarebbero trovati in fuori gioco se si fossero rifiutati di sottoscrivere un progetto come questo

G.B.: Diciamo che la sua interpretazione politica regge, ha fondamento. Diciamo che non ci abbiamo pensato. Avremmo potuto sicuramente spiazzarli di fronte ad un atto di responsabilità. Ma le assicuro che non abbiamo fatto alcun calcolo di questo tipo. Ci siamo soffermati, ripeto, all’urgenza. Ci teniamo nel dare una attenzione particolare ai nostri connazionali all’estero che vivono in zone disagiate come il Sud America, l’Argentina, il Paraguay, l’Uruguay.

S.V.: Si fa un gran parlare di CGIE e Comites, qui la questione sta diventando scottante. Qualcuno vuole abolire il CGIE, ora, secondo la sua esperienza di consigliere CGIE, è vero che abolire il CGIE significherebbe disfarsi di una struttura costosa e poco efficiente?

G.B.: No, assolutamente no. Il CGIE, al contrario, deve essere rivitalizzato per ricevere maggiore dignità e maggiore attenzione soprattutto adesso. Il CGIE è uno dei tre livelli di rappresentanza degli italiani all’estero.

l primo è quello del Comites che agisce a livello prettamente locale. Questo è conoscitore dei problemi sul territorio, ed ha contatti con il Console.

Il secondo è quello del CGIE, vale a dire un organismo che riporta a Roma le istanze locali e cerca di farle diventare mondiali col lavoro di amalgama e compatibilmente con le esigenze provenienti dalle altre arie continentali.

Il terzo livello è quello dei parlamentari eletti all’estero anche se sono anni che ci impegniamo come comunità degli italiani all’estero. Terzo livello perché in questo momento abbiamo dei parlamentari all’estero che si possono fare promotori, in sede parlamentare, di tutte le esigenze che vengono sollevate dal CGIE per poi concretizzarle. Prima di ora, il terzo livello mancava. Adesso sono presenti parlamentari provenienti dall’estero la cui maggioranza di questi, proviene addirittura dalle file del CGIE. Ciò è un valore aggiunto perché essi conoscono bene la materia. Abolendo il CGIE verrebbe meno questo legame, la cinghia di trasmissione con i parlamentari eletti all’estero che portano in parlamento la sua voce. Posso dire che adesso il CGIE ha una funzione ancora più importante di quella che aveva in precedenza.

S.V.: C’è incompatibilità tra le cariche di consigliere CGIE e quella di deputato?

G.B.: Non c’è incompatibilità di legge. Non prevista non per una svista del legislatore. Basti pensare che l’on. Tremaglia, prima di essere ministro degli italiani nel mondo era consigliere del CGIE, faceva parte del Comitato di presidenza pur essendo un parlamentare. Già da allora non esisteva questa incompatibilità. Resta il fatto che esiste, a mio parere, una incompatibilità di fatto che è quella che, secondo me, non è giusto che i parlamentari eletti all’estero facciano parte anche del CGIE. E questo proprio per non confondere i due ruoli e per dare più dignità al CGIE stesso. D’altronde il CGIE farà sempre riferimento ai parlamentari eletti nelle circoscrizioni estere. Secondo me, è giusto che i membri eletti in parlamento si dimettano dal CGIE. Direi che questa è la tendenza generale non necessariamente ancora unanime ma questa è la strada che stiamo seguendo. Da parlamentari, la nostra presenza alle riunioni del Consiglio generale sarà sinonimo di impegno, rispetto e responsabilità.

S.V.: Per lei la questione incompatibilità sarebbe puramente etica?

G.B.: Esattamente e per dare maggiore dignità al CGIE, io mi dimetterò.

S.V.: Ci dica i problemi degli italiani che lei rappresenta

G.B.: I problemi sono di due ordini. Storici legati a quegli italiani all’estero ormai anziani che hanno a che fare con numerosi ed atavici problemi e quelli legati al nuovo corso a quelli cioè da cui dipende la stessa immagine degli italiani all’estero. I giovani che oggi vanno all’estero ci vanno con la loro professionalità e con il computer nella “valigia di cartone”. Oggi le cose sono cambiate, bisogna accettare, riconoscere questo nuovo ruolo, cercare di mettere i nostri giovani in condizione di farli funzionare. Riconoscere i valori degli italiani all’estero che lavorano nelle università, nelle camere di commercio, che vanno in giro per il mondo a creare, a concludere nuovi affari. Io direi che, se riusciamo a fare questo, a mettere in rete i nuovi italiani all’estero, avremo raggiunto un grande obiettivo. Senza dimenticarci dei vecchi problemi non ancora risolti legati alla vecchia emigrazione, vale a dire la pensione sociale. Riconoscere il diritto alla pensione quando questo esiste. Evitare quelle incredibili lungaggini che sono indecenti. Al contrario , quando un italiano all’estero ha diritto alla pensione, la prima risposta che riceve dall’Inps è no. Conseguentemente la strada dei ricorsi è l’unica da seguire. Si pensi che il 95% dei ricorsi viene accolto e, spesso, quando il soggetto non sia deceduto prima. Bisogna darsi una regolata, sempre sulla questione delle pensioni, su questa campagna Red che l’Inps ha messo in moto in tutto quanto il mondo, perché così come viene posta in essere in questo momento, crea delle situazioni diverse non omogenee. Si rischia di penalizzare gli onesti, quelli che dichiarano giustamente quello che percepiscono e, magari, non vengono penalizzati i furbetti che non dichiarano niente e non rispondono alle richieste dell’Inps. Poi c’è la questione degli indebiti la cui riscossione è stata delegata ai centri regionali. Alcune regioni hanno già cominciato a raccogliere gli indebiti,altre regioni ancora no. Ciò non è giusto, è quindi necessario che si faccia chiarezza in tutte queste cose. Senza parlare della questione informazione che, per usare una espressione forte, grida vendetta. Non si può continuare ad andare avanti in questo modo. Non si può continuare a pensare che gli italiani all’estero siano una massa di sperduti ai quali basta mandare un programmino di divertimento mal fatto e senza neanche rispetto per gli orari. E’ una indecenza. Il servizio attuale di Rai International è meglio non averlo. Sono fortunatissimi gli europei che non hanno da vedere questa Rai International, perché se la vedessero, si cadrebbe ancora più in basso.

Ancora, la questione della storia e della cultura. Una legge vecchissima ed obsoleta ancora in piede che ha lo scopo di insegnare solo un po’ di italiano ai giovani, va completamente rivista. Oggi la cultura, la lingua, va vista non più come la lingua parlata ma come lingua di conoscenza. C’è bisogno di grandi cambiamenti, più attenzione alla cultura che viene prodotta all’estero ed in questo il ruolo dei Comites, dei CGIE e dei parlamentari risulta fondamentale.

S.V.: Se lei potesse, con uno schiocco delle dita risolvere una questione, quale sceglierebbe?

Padre e figlio florensi in West Virginia all'inizio del "900" (Archivio IAQUINTA © copyright)

G.B.: La rete consolare. La rete consolare è alla frutta, anzi, si son mangiato anche quella. Non ci sono più soldi

S.V.: Le responsabilità di chi sono?

G.B.: Dei governi indubbiamente. E’ il Governo di turno che non stanzia fondi adeguati per il mantenimento di una rete consolare decente al servizio dei cittadini italiani all’estero. Prendiamo ad esempio il Consolato di Toronto. Una circoscrizione enorme che abbraccia due fusi orari addirittura, un territorio 5 o 6 volte l’Italia, abbiamo un solo Consolato generale che dispone delle spese correnti, circa 100.000 dollari annui e con questi soldi, oggi ridotti del 50%, non si riesce neanche a pagare la bolletta elettrica e le utenze telefoniche. Non è possibile che un connazionale non possa rivolgersi al suo Consolato, che possa telefonare ed avere una risposta. Non è possibile che quando uno arriva al Consolato, non ci trovi il personale che, per quanto riguarda la mia esperienza personale, lavora bene ma è insufficiente. Se avessi la bacchetta magica sanerei immediatamente la rete consolare che poi in altri termini significa anche apertura di nuove sedi consolari onorarie. Ciò significherebbe incremento dei corrispondenti consolari, nuovi ed adeguati finanziamenti perché queste persone che fanno un lavoro veramente onorario possano essere in grado di farlo, almeno, avendo i fondi per pagare l’affitto e le spese di segreteria.

S.V.: Ecco perché il vice ministro non ha disposto ispezioni…

G.B.: Gli impiegati non sono sufficienti. Lavorano, non è come 15 anni fa quando non avevano voglia e mandavano via i cittadini. No, lavorano dalla mattina alla sera ma sono talmente pochi che non riescono materialmente a fare fronte a tutto.

Occorre un certo coraggio anche a superare questioni di natura sindacale. Il sindacato principale del Ministero per gli Affari Esteri, protegge, in maniera eccessiva, il personale di ruolo. Si fa riferimento ancora ad una legge secondo la quale il personale che può essere utilizzato a contratto all’estero, non può superare le duemila e qualcosa unità per tutto quanto il mondo. Questo tetto è stato raggiunto, quindi è assolutamente impossibile fare riferimento ad altro personale a contratto. Succede poi che molti vanno in pensione e non vengono sostituiti col risultato che il personale diminuisce sempre di più. Bisogna, invece, fare questo gesto di coraggio e capire che, oggi, i tempi sono cambiati per esempio attingendo personale ed assumendo in loco. Personale anche di origine italiana perché no. Ci sono tanti giovani. Non sembra sensato mandare un autista da Roma per il Console che oltre ad ignorare la lingua, non conosce neanche le strade. In termini economici non si risparmierebbe più di tanto ad assumere personale in loco in megalopoli come Toronto e Montreral, ma in estremo oriente si può arrivare a risparmiare dieci volte tanto e con il risparmio ottenuto, finanziare il miglioramento dei servizi. Ci vuole atto di coraggio per andare contro la chiusura dei sindacati.

S.V.: Sembra che l’on. De Gregorio costituisca, uscito dall’IdV, una nuova formazione degli italiani nel mondo, lei si affilierà?

G.B.: Devo dire che non so niente di questa nuova formazione. Non voglio fare commenti. Innanzitutto, ritengo che una persona eletta in un determinato schieramento abbia l’obbligo, il dovere assoluto e totale di rimanere in quello schieramento. Se non gli sta più bene, se ne torni a casa. Questa è una posizione di dignità. Se questa proposta di costituire un nuovo organismo degli italiani nel mondo viene dall’on. De Gregorio, non mi interessa.

S.V.: Cosa occorre fare con la legge sul voto degli italiani all’estero, mantenerla, cambiarla?

G.B.: Direi che le elezioni sono un sacrosanto diritto previsto dalla Costituzione. E’ giusto che gli italiani all’estero abbiano votato e continuino a farlo. La legge che ha consentito questo non è priva di difetti e di perplessità. Una di queste perplessità è questa specie di “riserva” indiana costituita dagli italiani all’estero. Si è fatto in modo che questi votassero solo per i rappresentanti provenienti dall’estero temendo che, viceversa, con il loro voto legato ai collegi di riferimento ed appartenenza, avrebbero potuto sconvolgere i “conti” dei partiti in Italia. Il parlamento ha voluto questa legge ed ironia della sorte, il caso ha voluto anche che, nonostante tutto, il voto degli italiani all’estero sia necessario per la maggioranza al Senato.

Ma, al di là di questo, io credo che è giusto che gli italiani all’estero continuino a votare, ma dobbiamo dare loro questo diritto che ma che sia un diritto pieno e non dimezzato. Per il mancato aggiornamento delle anagrafi, migliaia di italiani che ne avevano diritto non hanno potuto esercitare il diritto di voto non avendo ricevuto il kit elettorale. Viceversa, invece, migliaia di cittadini italiani che sono ormai divenuti, di fatto, da decenni canadesi, australiani, venezuelani, argentini che non hanno ormai nessun legame con l’Italia, hanno votato perché hanno ricevuto il kit elettorale. I Comuni poi che, per paura di scendere al di sotto di un determinato numero di cittadini con il timore di percepire dalla Stato meno soldi, non aggiornano gli elenchi, è un fatto veramente indecente. Senza contare l’incuria dell’impiegato comunale di turno che non ottempera al proprio ufficio nell’operare le variazioni in tempo utile. Votare in questo stato di cose significa accordare agli aventi diritto un diritto dimezzato. Quindi è necessario modificare questa legge, creare un registro elettorale certo così come già avviene in alcuni paesi come la Francia. Ricordiamoci che parecchie migliaia di italiani che ne avevano diritto e la voglia, non hanno votato. Bisogna porre rimedio alle falle delle legge con una maggiore attenzione.

intervista a cura di

Salvatore Viglia / Eureka

Giornalista

Emigrazione Italiana in Canada: torna al menu - Valigia di cartone - Giuseppe DE MARCO © copyright 2003

emigrati.it web site

CGIE - Consiglio Generale degli Italiani all'Estero

Il Consiglio Generale degli Italiani all'Estero (C.G.I.E), istituito con Legge 6 novembre1989, n. 368 (modificata dalla Legge 18 giugno1998, n. 198), e regolamentato dal D.P.R. 14 settembre 1998, n. 329, è il consulente del Governo e del Parlamento sui grandi temi di interesse per gli italiani all'estero. Esso rappresenta il primo passo nel processo di sviluppo della "partecipazione" attiva alla vita politica del paese da parte delle collettività italiane nel mondo e costituisce l'organismo essenziale per il loro collegamento permanente con l'Italia.

riferimento: Italiaestera.net - CGIE Consiglio Generale degli Italiani all'Estero

Emigrazione Italiana in Canada: torna al menu - Valigia di cartone - Giuseppe DE MARCO © copyright 2003

emigrati.it web site

I COMITES (Comitati degli Italiani all'Estero) sono organi rappresentativi della nostra collettività, eletti direttamente dagli italiani residenti all'estero.

Essi operano presso ciascuna circoscrizione consolare ove risiedono almeno 3.000 cittadini italiani, ovvero presso la Rappresentanza diplomatica se nel Paese non vi sono Uffici consolari.

Organi e membri

Organi del COMITES sono l'Assemblea Plenaria, che deve riunirsi almeno una volta ogni quattro mesi, e l'Esecutivo (formato da un numero di membri non superiore ad un quarto dei suoi componenti), che comprende il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario e il Tesoriere.

Possono essere, inoltre, nominate apposite Commissioni di Lavoro, per specifiche materie o problematiche.

I membri eletti, che devono avere cittadininanza italiana, sono 12 per le Comunità fino a 100.000 connazionali e 24 per quelle con oltre 100.000 connazionali.

Si affiancano ad essi i membri cooptati, scelti direttamente dai membri eletti, da una rosa di candidati presentata dalle Associazioni Italiane; essi devono essere cittadini stranieri di origine italiana, residenti stabilmente nella circoscrizione consolare, e non possono superare la misura di un terzo dei componenti il Comitato eletto per i Paesi europei e due terzi per quelli extraeuropei.

Tutti i membri del COMITES restano in carica per 5 anni e sono rieleggibili.

Compiti e Funzioni

In primo luogo il COMITES, in collaborazione con l'autorità consolare ed Enti, Associazioni e comitati operanti nella circoscrizione, promuove idonee iniziative nelle materie attinenti alla vita sociale e culturale, all'assistenza sociale e scolastica, alla formazione professionale, alla ricreazione, allo sport e al tempo libero della comunità italiana residente nella circoscrizione. Esso, inoltre, esprime pareri, proposte e suggerimenti sulle iniziative che l'autorità consolare intraprende in favore della comunità. I

l COMITES svolge funzioni consultive che si concretizzano nel formulare pareri motivati ed obbligatori sulle richieste di contributo avanzate da associazioni assistenziali italiane operanti nella circoscrizione consolare.

Il COMITES deve costantemente cooperare con l'autorità consolare nella tutela dei diritti e degli interessi dei cittadini emigrati, nel rispetto delle norme previste dall'ordinamento locale e delle norme del diritto internazionale e comunitario.

Il Comitato è tenuto inoltre a segnalare all'autorità consolare le eventuali violazioni delle Convenzioni e delle norme internazionali inerenti ai lavoratori italiani.

Per l'attuazione dei compiti previsti, il COMITES, che può dotarsi di autonomo regolamento interno, provvede direttamente alle spese necessarie per le proprie attività, anche grazie ai contributi annuali appositamente stanziati dal Ministero per gli Affari Esteri.

L'attività svolta da tutti i membri nell'ambito del COMITES non dà diritto a compensi remunerativi. Sono però previsti i rimborsi delle spese di viaggio nei casi stabiliti dalla circolare ministeriale n. 4 - lettera D-8 del 14.3.1988.

Emigrazione Italiana in Canada: torna al menu - Valigia di cartone - Giuseppe DE MARCO © copyright 2003

emigrati.it web site

I COMITES NEL MONDO


Logo Internet di www.emigrati.it - La valigia di cartone - link alla Home Page della Associazione Internet degli Emigrati Italiani emigrati.it

emigrati.it Associazione Internet degli Emigrati Italiani - San Giovanni in Fiore - Calabria - Italia emigrati.it - Associazionismo e Cultura Glocale



emigrati.it Associazione Internet degli Emigrati Italiani

Francesco Saverio Alessio

emigrati.it Associazione Internet degli Emigrati Italiani - Chi siamo - sito Internet nato per gli Emigrati Italiani, ideato e realizzato a San Giovanni in Fiore, Calabria, Italia, al centro del Mediterraneo, da Francesco Saverio Alessio www.florense.it, in collaborazione con Pasquale Biafora www.portalesila.it, Alfredo Federico e Michele Lacava www.jaflos.it, International Web Site di arte, cultura mediterranea, intercultura, politica, scienza, antropologia, in riguardo alla emigrazione, immigrazione, migrazioni culturali, popolazioni migranti, servizi per gli emigrati, servizi per gli immigrati, Information Technology, Telecommunications, Web Thelephony, Web Services, prima uscita online:10 ottobre 2003 emigrati.it Italians Emigrants Internet Association
Alla ricerca delle radici comuni ad ogni uomo nel contesto dell'evoluzione di Internet