MONONGAH, MARCINELLE, MATTMARK, MORTE

La voce del popolo: Philadelphia, 25 dicembre 1907 dedicato al disastro di Monongah

La voce del popolo: Philadelphia, 25 dicembre 1907

Tragedie dell'emigrazione italiana


Monongah, miniera di carbone nel West Virginia, 6 dicembre 1907, tanti emigrati da San Giovannni in Fiore perdono la vita in una tragica circostanza.
Minatori calabresi e florensi a Monongah nel 1907

Minatori calabresi e florensi a Monongah nel 1907

Minatori coi loro figli, trentaquattro, secondo le fonti ufficiali; ma il dato è relativo: i caduti sono di più. Allora, si partiva per la povertà assoluta nella propria terra: non c’era alternativa. La gente era disposta ad accettare i lavori più duri e pericolosi, pur di campare la propria famigia, assieme, nella rischiosa avventura oltre l’oceano, oppure a sognare un futuro più giusto, al calore d’una stanza di paese, una, ricolma e vuota.

Marcinelle 8 agosto 1956: i fumi dell'incendio alla miniera di carbon fossile del Bois du Cazier

Marcinelle 8 agosto 1956: i fumi dell'incendio alla miniera di carbon fossile del Bois du Cazier

Marcinelle, Belgio, miniera di carbone Bois de Cazier, 8 agosto 1956, altri martiri da San Giovanni in Fiore, intrappolati nel buio d’una prigione senza chiave.

Mattmark 88 morts

Mattmark, Svizzera, 30 agosto 1965, un ghiacciaio dell’Allalin si spezza: una massa enorme colpisce il cantiere per la costruzione d’una diga. I decessi, stavolta, sono ottantotto: cinquantasei operai italiani, fra i quali, diversi da San Giovanni in Fiore.

Le strane coincidenze della storia: Monongah, Marcinelle, Mattmark, Morte, quattro parole annunciate dalla “m”, a segnare il passato di una comunità, quella sangiovannese, sparsa per il globo, ancora oggi, alla ricerca di possibilità negate e dignità nel lavoro.

Tutta la Calabria ha pagato un prezzo altissimo in questi episodi, tornati alla ribalta dopo lo speciale, su Monongah, del periodico La Gente d’Italia.

Bollettino della Sera - Italian Evening Bullettin - New York, sabato 28 dicembre 1907 dedicato al disastro di Monongah

Bollettino della Sera - Italian Evening Bullettin - New York, sabato 28 dicembre 1907

A San Giovanni, la nuova generazione sa nulla di questi fatti, di questi lutti, di questi drammi, che hanno avuto - ed hanno - ripercussioni sulla personalità di tanti, finanche giovanissimi. E non lo sostiene chi scrive. Lo psichiatra Salvatore Inglese ha dedicato energie intellettuali e pratica sul campo, per mostrare i risvolti effettivi, di simili eventi, nelle relazioni sociali e in ambito individuale: paura, disagio, chiusura, alterazioni qualitative della realtà, diffidenza, dissociazioni di vario ordine. Questo, in concreto, si traduce, oggi, in un isolamento privo di voce, iniziativa, speranza.

Il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Luigi Fedele, ha proposto di erigere “una stele per i minatori italiani morti a Monongah” e di ricordare, con l’emissione di un francobollo commemorativo, quegli uomini, “disposti a tutto per garantire un briciolo di speranze a loro stessi e ai figli e partiti dalla Calabria, dall’Abruzzo e dal Molise in cerca di occasioni di riscatto“. Fedele, volato a Monongah, sarà ricevuto, assieme ai sindaci di alcuni comuni calabresi, dal presidente Ciampi, sabato 15, alle 12, nella sede del Consolato italiano a New York. Delegato da Riccardo Nencini, rettore della Conferenza dei presidenti dei consigli regionali e delle province autonome, rappresenterà tutte le Assemblee regionali italiane.

Anche il sindaco di San Giovanni in Fiore, Riccardo Succurro, insieme all’assessore alla cultura, Vincenzo Gentile, parteciperà all’incontro. Gentile, laureato in storia, ha studiato il fenomeno dell’emigrazione e ha ricostruito, con una vasta e minuziosa ricerca, la triste e buia verità di Monongah.

Ma se il ricordo e la partecipazione istituzionale, pure dell’informazione, servono a riprendere un capitolo sepolto e dimenticato per troppo tempo, chi può giudicare i postumi della tragedia? Solo i figli dei calabresi coinvolti. A noi tocca un’eredità storica da divulgare, dobbiamo il rispetto nel tempo e l’unione come valore.

Il sindaco Succurro si augura che “una stele simbolica sorga a San Giovanni in Fiore, il comune che più ne rappresenta le perdite umane”. Succurro e Gentile saranno anche a Monongah, venerdì 14, per una cerimonia di commemorazione.

Certo, dall’emersione mediatica, istituzionale e politica di Monongah ci saranno dei cambiamenti nel modo d’intendere l’emigrazione e nel rapporto coi residenti all’estero.

Quelli di San Giovanni in Fiore sono circa 6800.

L’importante è che la città florense non diventi, per l’ennesima volta, quel luogo disgraziato da cui la stampa, spesso, ha guadagnato consensi. E soldoni.


Emiliano MORRONE

MONONGAH - risorse web

Padre e figlio, o due fratelli florensi in West Virginia all'inizio del "900" (Archivio IAQUINTA © copyright)



  • Monongah: Film documentario prodotto da FILEF sull'emigrazione del primo novecento verso gli USA e sulla tragedia mineraria di Monongah.
    "Monongah, la Marcinelle americana", ripercorre attraverso la storia della famiglia Basile, partita dall'Abruzzo, lo sradicamento e il difficile travaso nella società americana, permettendo agli spettatori di riflettere sulle tante croci che ancora oggi aspettano un nome e un volto e sulle quali vi è scritto: "qui giace un eroe".... eroe del sogno americano che molti hanno vissuto nel buio delle miniere e in condizioni di sfruttamento impressionante. Ed è impossibile, vedendo questo film che narra tra l'altro l'epopea del viaggio dei nostri migranti attraverso l'oceano atlantico, non ritornare alle immagini quotidiane delle migliaia di nuovi immigrati morti cento anni più tardi nel nostro mediterraneo alla ricerca del "sogno italiano".

Logo Internet di www.emigrati.it - La valigia di cartone - link alla Home Page della Associazione Internet degli Emigrati Italiani emigrati.it

emigrati.it Associazione Internet degli Emigrati Italiani - San Giovanni in Fiore - Calabria - Italia emigrati.it - Associazionismo e Cultura Glocale

Inizio Pagina 

Monongah, Marcinelle, Mattmark, Morte

emigrati.it Associazione Internet degli Emigrati Italiani

Francesco Saverio Alessio

emigrati.it Associazione Internet degli Emigrati Italiani - Chi siamo - sito Internet nato per gli Emigrati Italiani, ideato e realizzato a San Giovanni in Fiore, Calabria, Italia, al centro del Mediterraneo, da Francesco Saverio Alessio www.florense.it, in collaborazione con Pasquale Biafora www.portalesila.it, Alfredo Federico e Michele Lacava www.jaflos.it, International Web Site di arte, cultura mediterranea, intercultura, politica, scienza, antropologia, in riguardo alla emigrazione, immigrazione, migrazioni culturali, popolazioni migranti, servizi per gli emigrati, servizi per gli immigrati, Information Technology, Telecommunications, Web Thelephony, Web Services, prima uscita online:10 ottobre 2003 emigrati.it Italians Emigrants Internet Association
Alla ricerca delle radici comuni ad ogni uomo nel contesto dell'evoluzione di Internet